Aprile – Il Mese del Salice

Data
1 Apr, 2022
Categoria
Condividi Questo Articolo:
Dea Flora

Nel “Calendario degli Alberi” Celtico il periodo compreso tra il 15 Aprile e il 12 Maggio è dedicato al Salice.

Nello zodiaco arboreo, è il 5° albero dell’anno e racchiudeva il periodo del Calendimaggio

Con il nome di Calendimaggio, Cantar maggio o calén di maggio in tutta Europa e anche in Italia si parla di una festa stagionale che celebrava la Primavera, ricorreva intorno al primo Maggio. 

Durante la festività si onorava la dea Flora, responsabile delle fioriture.

L’albero di Salice, crescendo e moltiplicandosi lungo i corsi d’acqua, era considerato simbolo di Vita, e spesso presente durante il rituale.

“La notte del 30 aprile gruppi di giovani si recavano nei boschi e ne asportavano o interi alberi, o rami verzicanti e fioriti, e attaccavano questi alle porte o alle finestre delle ragazze come dichiarazione d’amore, o piantavano quelli davanti alla casa delle maggiori autorità del paese, o anche nelle piazze o nelle aie.

Con ciò esplicitamente intendevano recare il segno della rinnovata fecondità della Natura, che avrebbe a sua volta procurato ai singoli e alla comunità l’abbondanza e la fortuna.”

 (Paolo Toschi, Le origini del teatro italiano [1955], Bollati Boringhieri, 1976, pp. 453-454)

Il Salice e il Mito

Salix Fragilis

La parola Salice ha origine celtiche è significa “vicino l’acqua

L’albero Salice è naturalmente legato all’elemento acqua.

Nella mitologia celtica era considerato una divinità femminile e il culto del Salice era legato quindi ai cicli lunari e alla fecondità.

Nella mitologia greca per la facilità con cui i rami spezzati, ricrescono; il Salice era considerato l’albero in connessione con l’aldilà per eccellenza.

Secondo Plutarco, sul monte Ida la culla di Zeus era appesa ai rami di un salice e la sua nutrice era Itea, nome greco del Salice.

Presente nella Bibbia, viene menzionato da Isaia:

“Poiché io farò scorrere acqua sulla steppa,

torrenti su un terreno arido.

Spanderò il mio spirito sulla tua discendenza,

la mia benedizione sui tuoi posteri,

cresceranno come erba in mezzo all’acqua,

come salici lungo acque correnti”.

Il Salice in Italia

Salix Babylonica

Le specie spontanee più comuni sono: Salice fragile (Salix Fragilis), Salice grigio (Salix cinerea), e Salice Bianco (Salix alba).

La specie esotiche che si sono acclimatate in Italia sono: Salice Viminale (Salix Viminalis) e Salice Piangete (Salix babylonica).

Il Salice bianco è diffuso principalmente nelle zone di pianura, ma può spingersi fino ai 1200 m di altitudine.

Il portamento è da albero di terza grandezza, raggiunge i 20 m di altezza. Tronco dritto e ramificato fin dalla base. 

Corteccia di colore grigiastro, forma reticoli di scanalature.

I rami espansi, lunghi e ascendenti determinano una corona ampia.

Le foglie hanno margine seghettato, caduche, oblungo-lanceolate. La pagine superiore è verde, quella inferiore di colore bianco sericeo.

La fioritura avviene tra marzo e aprile, contemporaneamente alle foglie.

A sessi separati: quelli femminili raccolti in amenti verdi, quelli maschili sono gialli.

I frutti sono piccole capsule contenenti numerosi semi bruni e piumosi, utilizzano il vento per la loro dispersione.

Come l’Ontano, anche il Salice è un elemento tipico della vegetazione riparia.

Il legno del Salix alba non marcisce e per questo viene usato nel rimboschimento di zone paludose.

Curiosità

Salix Fragilis

Troviamo il Salice Bianco (Salix Bianco) come protagonista della ricerca scientifica “Produttività e valutazione economica del sistema agroforestale silvopastorale basato sul salice (Salix alba L.) nella valle del Kashmir” condotta dalla Facoltà di scienze forestali, Università di scienze e tecnologia agrarie Sher-e-Kashmir del Kashmir, Benhama, Ganderbal-191201 (J&K), India. 

Lo studio ha rivelato il comportamento differenziale di Salix alba per quanto riguarda i parametri di crescita (altezza, diametro e circonferenza) delle diverse consociazioni e delle varie consociazioni foraggere rispetto alla resa, alla biomassa fuori terra, alla produzione di sostanza secca e allo stato dei nutrienti del suolo (pH, carbonio organico, azoto disponibile, fosforo e potassio). 

È stato scritto molto sull’utilizzo di steli/ramoscelli di salice per aiutare a radicare talee da altre piante. Il Salice contiene sia acido salicilico che ricco di auxina. Secondo quanto riferito, l’acido salicilico previene la crescita dei patogeni, il che significa che impedirà ai funghi e ad altri microrganismi di attaccare il taglio. Le auxine sono una famiglia di ormoni vegetali che stimolano la crescita. 

Si può quindi ottenere un efficace radicante naturale.

La varietà Salix Fragilis deve il suo nome ai rami ascendenti e sottili che tendono a rompersi facilmente.

Come abbiamo già detto, crescendo facilmente presso i corsi d’acqua, questa specie affida alla corrente, i rami che si spezzano, dai quali nasceranno nuovi alberi una volta raggiunte le sponde.

Il Salice Fragile ma longevo, può raggiungere i 1000 anni di età.

Dalla varietà Salix viminalis si ottengono i “vimini” per la produzione dei caratteristici panieri della civiltà contadina.

Pianta utilizzata anche per il Fitorisanamento

Il Salix viminalis è un noto iperaccumulatore di cadmio, cromo, piombo, mercurio, idrocarburi del petrolio, solventi organici, MTBE, TCE e sottoprodotti, selenio, argento, uranio e zinco, e ferrocianuro di potassio.

Il The Guardian ha dedicato un reportage fotografico per raccontare attraverso le immagini le varie fasi della lavorazione dei “vimini” per la produzione dei tradizionali cesti.

Proprietà del Salice

Salix Alba

La corteccia e le foglie del salice vengono menzionati in antichi testi medici egizi del II millennio a.C. 

Ippocrate ne descrisse nel V secolo a.C. le proprietà antidolorifiche e antinfiammatorie.

L’utilizzo di corteccia e foglia è presente nella medicina popolare medievale in Europa. Poco documentata, tra gli Indiani d’America e il gruppo etnico dell’Africa sudoocidentale gli Ottentotti (Khoi letteralmente “veri uomini”)

Dioscoride e la Scuola di medicina salernitana attribuivano al Salice proprietà antiafrodisiache.

Edward Stone nel 1763  studiando le proprietà antimalariche della corteccia, riuscì a dimostrare inequivocabilmente le proprietà antifebbrili della corteccia di Salice.

Il principio attivo dell’estratto di corteccia del salice bianco (Salix alba), chiamato salicina, fu isolata in cristalli nel 1828 da Johann A. Buchner e in seguito da Henri Leroux e da Raffaele Piria, un chimico calabrese emigrato a Parigi, che diede al composto il nome attuale (acide salicylique).

Nel 1897 Felix Hoffmann, seguendo l’idea del suo superiore Arthur Eichengrün, entrambi chimici impiegati presso la Friedrich Bayer & Co. esterificò il gruppo fenolico (-OH) dell’acido salicilico con un gruppo acetile utilizzando anidride acetica. Ottenne così l’acido acetil-salicilico e acido acetico come sottoprodotto.

L’acido acetilsalicilico o ASA comunemente noto con il nome commerciale di Aspirina.

Forest Medicine and Forest Therapy 

Salice piangente

Attraverso le pratiche di Shinrin-Yoku o ‘Bagni di Bosco’, di cui è promotrice l’Associazione Italiana di Medicina Forestale ( A.I.Me.F.), quando camminiamo nel bosco, attraverso l’aria gli alberi ci permettono di respirare queste minuscole molecole volatili, che hanno effetti benefici sia sul nostro corpo che sulle nostre emozioni. Queste molecole sono chiamate B-VOC (Biogenic Volatile Organic Compounds). 

Non servirà isolare il principio attivo contenuto in una parte della pianta per avere un potere terapeutico, poiché le azioni benefiche innescate dalla combinazione naturale dei terpeni aumentano il potenziale terapeutico complessivo. Respirando direttamente i B-VOC nel Bosco, si rafforza in modo olistico l’”effetto entourage” del fitocomplesso di tutta la pianta. 

Proprio come il Succo d’Arancia fresco è molto più sano di una Pillola di Vitamina C! 

Vuoi approfondire i temi dello Shinrin-Yoku e della Neurobiologia Vegetale ? 

La Medicina Forestale si occupa proprio di questo… e non solo ! 

Condividi Questo Articolo:
Apri Chat
🤗 Server aiuto?
Scan the code
Ciao 👋 !
Come posso aiutarti? Scrivi su whatsapp se hai bisogno di maggiori info.